Carnevale sicuro, la Polizia di Rimini arresta 4 persone e ne denuncia 12. Le patenti ritirate sono 9

In quest’ultimo, lungo week-end di Carnevale – iniziato giovedì scorso e conclusosi nella giornata di ieri Martedì Grasso – la Questura di Rimini ha predisposto una serie di servizi di ordine e sicurezza pubblica finalizzati allo svolgimento in sicurezza di tutte le iniziative correlate al Carnevale. In particolare è stato attenzionato il “ColorCoriandolo” di piazza Cavour, le feste con parata di carri allegorici di Santarcangelo, Novafeltria e Coriano, e la Fiera di Sant’Apollonia di Bellaria, eventi che hanno attratto migliaia di persone.

Nella serata di ieri, un mirato servizio è stato assicurato anche presso il RDS Stadium in occasione dello spettacolo del noto attore “Enrico Brignano”, che ha garantito la sicurezza pubblica e permesso l’ordinato svolgimento dello spettacolo consentendo ai circa 4.000 spettatori di assistere allo spettacolo in totale sicurezza e serenità.

Nello stesso arco temporale sono stati predisposti una serie di controlli straordinari del territorio nella città di Rimini e nei Comuni limitrofi, incrementando la presenza nei principali luoghi di aggregazione, nei pressi delle vie di accesso alla città, e nelle aree adiacenti agli scali ferroviari, nonché in quelle antistanti alle stazioni delle linee di trasporto pubblico locale (autolinee urbane ed extraurbane) e in tutti quei luoghi ove insistono situazione di marginalità e degrado, fattori che influiscono negativamente sulla percezione di sicurezza dei cittadini residenti.

L’attività operativa esplicata nell’arco delle 24 ore dagli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, coadiuvati dalle pattuglie del reparto Prevenzione Crimine Emilia-Romagna, della Squadra Mobile e dagli equipaggi delle pattuglie della Polizia Stradale ha permesso di conseguire in questo lungo week end i seguenti risultati:

  • quattro persone tratte in arresto: 1) un 60enne di origine egiziana resosi responsabile dei reati di lesioni, resistenza e violazione di domicilio in quanto è stato sorpreso all’interno di un’abitazione di Marina Centro dal proprietario e successivamente, datosi alla fuga, quando è stato bloccato dagli agenti poco lontano, ha reagito colpendo uno degli poliziotti intervenuti; 2) esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere eseguita a carico di italiano 22enne per rapina e ricettazione, reati commessi a Rimini nel mese di gennaio, quando la parte offesa, una ragazza riminese che aveva subito il furto del suo cellulare a bordo di un autobus avvenuto qualche giorno prima, ha riconosciuto l’autore per strada allertando la centrale operativa della Questura che ha inviato sul posto una volante, che ha bloccato il soggetto accompagnandolo in ufficio. Dagli accertamenti espletati i poliziotti hanno accertato che il ragazzo per guadagnarsi la fuga non aveva esitato a colpire un amico della ragazza, cosa che ha indotto gli agenti a rubricare a suo carico non già il reato di furto bensì quello di rapina; inoltre dagli slip del ragazzo sono saltati fuori altri tre smartphone di ultima generazione risultati anch’essi provento di furto e subito restituiti ai legittimi proprietari e da qui l’ulteriore contestazione del reato di ricettazione; 3) un 46enne di origine pugliese tratto in arresto a seguito di un controllo della polizia stradale e risultato destinatario di un ordine di carcerazione per l’espiazione di una pena residua; 4) un 33enne di origine lettone ritracciato dagli uomini della Squadra Mobile all’interno di un residence posto sul lungomare di Rimini, nei confronti pendeva un mandato di arresto europeo perché riconosciuto responsabile nel suo paese di un furto e pertanto condannato ad 1 anno e 6 mesi di reclusione; l’uomo risulta avere pregiudizi di polizia anche in Italia per furto e detenzione e porto di arma bianca.
  • 12 persone denunciate in stato di libertà, tra cui si segnalano un 43enne di origine albanese denunciato per incendio doloso cagionato in danno di alcuni capanni uso deposito in zona via portogallo; un parcheggiatore abusivo straniero, clandestino sul territorio, sorpreso in zona ospedale e denunciato per estorsione e nei confronti del quale successivamente sono state avviate le procedure di espulsione dal territorio nazionale; un 24enne di origine siciliana denunciato per guida in stato di ebbrezza; un 42enne di origini campane denunciato per furto di uno smartphone all’interno di un hotel approfittando di un momento di distrazione del portiere notturno; un 24enne di origine albanese denunciato per lesioni; 4 stranieri di origine africana denunciati per essersi rifiutati di fornire le generalità; un 19enne di origine albanese denunciato per evasione per essersi allontanato dal domicilio ove scontava la misura cautelare degli arresti domiciliari per furto aggravato ed infine due cittadini italiani di origine campana per minacce e violenza privata in danno di un giovane riminese.-
  • 470 persone identificate, di cui 95 straniere;
  • 181 mezzi controllati di cui 2 sequestrati per mancanza della copertura assicurativa ed 1 sottoposto a fermo amministrativo di tre mesi poiché adibito al trasporto di persone senza la relativa licenza;
  • 94 contravvenzioni al codice della strada rilevate dalle pattuglie della Polizia stradale;
  • 9 infine sono le patenti ritirate.