RIMINI. SPACCATA NOTTURNA ALLA TABACCHERIA DI VIALE REGINA ELENA

Ennesima spaccata notturna a Rimini, stavolta addirittura con una breccia esterna. Sono penetrati infatti nella tabaccheria di Viale Regina Elena passando dal ristorante a fianco. Una razzia di sigarette, valori bollati, gratta e vinci che ha fruttato un ingente bottino,…

RIMINI. ARRESTATO PIPPO L’USURAIO PRESTITI CON INTERESSI FINO AL 610%

Fermato dai carabinieri di Rimini “Pippo l’usuraio”. Un professionista del settore noto da tempo alle autorità. Arresti domiciliari per l’uomo 58enne origini catanesi che a dicembre era stato sorpreso presso l’Arco di Augusto a riscuotere un debito. Prestiti dal 200…

La Nord Corea lancia un nuovo missile balistico. Insorge Trump

Test (fallito) di Pyongyang a poche ore dal Consiglio di sicurezza dell’Onu in cui gli Stati Uniti avevano aperto al negoziato. Il presidente americano: “Mancano di rispetto alla Cina e questo è un male” La Corea del Nord ha lanciato…

RIMINI. ARRESTATA LA COPPIA NOMADE BONNIE E CLYDE DEGLI SPECCHIETTI

La Squadra Volante della Questura di Rimini ha arrestato i “Bonnie e Clyde” degli specchietti. La coppia nomade di origine romana era specializzata in truffe a danno di donne e anziani. Una tecnica mutuata da tempo. Lanciare un sasso contro…

RIMINI. GESSICA NOTARO “MI HA FATTO MALE VEDERE DI NUOVO EDSON”

“Mi ha fatto male vedere di nuovo Edson”. Questa la confessione di Gessica Notaro durante il collegamento telefonico con la trasmissione televisiva “Mattino Cinque”. “Guardandolo ho rivissuto tutto. Un terribile ricordo che non mi fa dormire la notte”. La ragazza…

RIMINI. ALBERGATORE A PROCESSO PER TRAFFICO DI CLANDESTINI

Processo al Tribunale di Rimini contro cinque persone accusate di traffico di clandestini. Tra di loro un albergatore che utilizzava il suo hotel di Bellariva come base operativa. Un’organizzazione che con tariffe tra gli 800 e 1300 euro trasportava profughi…

RIMINI. IL FRATELLO DI STEFANO AMADORI “NON AVEVA MOTIVI DI SUICIDARSI”

“Non c’è nessun motivo che possa giustificare il suicidio”. Queste le parole del fratello di Stefano Amadori, l’uomo morto dopo avere bevuto dell’acido contenuto in una bottiglia di plastica di aranciata. Pertanto il familiare esclude decisamente l’ipotesi ventilata dalla Procura…

INVIACI UN COMUNICATO STAMPAMAIL