Rimini. A TEDxCoriano salgono in cattedra le scuole della provincia di Rimini

Le scuole della provincia di Rimini salgono in cattedra in occasione dell’edizione 2019 di TEDxCoriano, un appuntamento importante del circuito mondiale TEDx dedicato alla diffusione di idee di qualità, che si svolgerà il 12 ottobre prossimo nella comunità di San Patrignano. Quest’anno l’associazione ‘Resilienza Territoriale’, che si occupa di organizzare l’iniziativa, ha deciso di coinvolgere le scuole secondarie di primo e secondo grado del territorio, dando quindi la possibilità a studenti e ragazzi di partecipare ai talk che vedranno salire sul palco relatori d’eccezione: da Paolo Ruffini, celebre conduttore televisivo, attore, regista e autore dello spettacolo “Up and Down”, a Daniele Di Benedetti, imprenditore e motivatore tra i più conosciuti del web, da Beth Misner, co-fondatrice di BNI International, a Kate Fretti della fondazione ‘Marco Simoncelli’, passando per imprenditori, formatori e personalità sportive. Un’opportunità importante per gli istituti del territorio che rispecchia e incarna i valori che stanno alla base dell’associazione Resilienza Territoriale.

“Siamo convinti – spiegano i promotori, Paola Aronne, Davide Venturi, Francesca Capellini e Romano Ugolini – che un territorio crei il suo futuro tramite l’evoluzione delle persone che lo popolano. A cominciare naturalmente dalle giovani generazioni. Per questo abbiamo attivato e stiamo portando avanti numerosi progetti dedicati espressamente agli studenti. Tra questi un concorso letterario rivolto agli under 14, una serie di laboratori per sviluppare abilità e competenze relazionali per il polo scolastico di Coriano, e la Summer Homeworks, un servizio nato con l’obiettivo di andare incontro a quelle famiglie che, durante il periodo estivo, faticano a seguire i figli nello svolgimento dei compiti. Senza dimenticare il contributo economico all’iniziativa ‘Nati per camminare’ dedicata alla mobilità sostenibile. Il TEDx è un’occasione preziosa per i ragazzi, per stimolare nuovi modi di vedere le difficoltà, condividere visioni diverse del mondo e incentivare riflessioni, ambizioni, prospettive”.