RIMINI. Offre un lavoro a una coppia ma gli porta via la casa

Hanno pensato di aver risolto tutte le loro difficoltà economiche ma si sono trovati costretti e ipotecare la loro casa per settecento mila euro.

Tutto inizia durante una vacanza in montagna.

Come riporta il quotidiano “Il Resto del Carlino” la coppia 48enne lei e 49enne lui,fa amicizia con un uomo in albergo.

Parlando marito e moglie riferiscono al nuovo amico di aver di avere seri problemi economici.

All’uomo non sembra vero e propone ai malcapitati di entrare a far parte di una sua nuova società appena aperta, un’azienda per recupero stragiudiziale dei crediti proprio vicino a dove vivono loro.
Così decidono di diventare soci.

Il compito dei due sarà quello di girare per recuperare i crediti.

Purtroppo poco dopo chiede loro di finanziare l’attività e l’unico modo che hanno è quello di ipotecare la loro abitazione, dove vivono con diversi figli.

La coppia accetta è in pochi mesi fanno addirittura addirittura due ipoteche per un totale di duecento cinquanta mila euro.

A quel punto sono nelle mani dell’uomo che li minaccia costantemente e li costringe a firmare una dichiarazione di debito nei suoi confronti gli altri centoventuno mila euro.

A quel punto marito e moglie si rendono conto del reggino ma ormai non sanno più come uscirne e quando il truffatore scopre che hanno anche un terreno li fa indebitare anche quello con un mutuo fondiario di cinquanta mila euro.

A quel punto la coppia trovo il coraggio di uscire da questo puoi uscire da questo vortice e decide di denunciare la cosa.

Andrea Barlocco

abarlocco@giornaledirimini.com