Rimini. VALENTINA LODOVINI: TUTTA CASA, LETTO E CHIESA!

Un’operaia, una casalinga e una “Alice”. Tre storie diverse, tre donne diverse, una sola interprete. Valentina Lodovini porta a Verucchio l’eterna battaglia di sessi: maschio contro femmina, quest’ultima alla ricerca di una emancipazione e di un riscatto tutto proprio. Lo spettacolo di Dario Fo e Franca Rame ha debuttato nel

  1. Osservare, ridere e ragionare. Questo è l’obiettivo della coppia Lodovini – Mabellini che denunciano una condizione femminile ai limiti dell’umanità.

 

Domenica 13 gennaio 2019 primo appuntamento del nuovo anno al Teatro Eugenio Pazzini di Verucchio. A dare il benvenuto all’ultimo teen degli anni 2000 sarà la talentuosa Valentina Lodovini con Tutta casa, letto e chiesa di Dario Fo e Franca Rame, con la regia di Sandro Mabellini, movimento scenico affidato a Silvia Perelli, disegno luci di Alessandro Barbieri, alla scenografia Chiara Amaltea Ciarelli e musiche a cura di Maria Antonietta. Aiuto regia Rachele Minelli.

Tutta casa, letto e chiesa è uno spettacolo sulla condizione femminile, in particolare sulle servitù sessuali della donna. Si ride, e molto, ma alla fine resta addosso una grande amarezza. Il primo debutto è stato a Milano ad opera della coppia Dario Fo – Franca Rame, alla Palazzina Liberty, nel 1977, in appoggio alle lotte del movimento femminista. Il testo è tuttora allestito in oltre trenta Nazioni: la condizione della donna, purtroppo, è simile ovunque. Il protagonista assoluto di questo spettacolo sulla donna è l’uomo. Meglio, il suo sesso! Non “in carne e ossa”, ma è sempre presente, enorme, che incombe… e che schiaccia le donne! Le donne… sono anni che si battono per la loro liberazione, chiedendo parità di diritti con l’uomo, parità sociali, parità di sesso.

Dopo la presentazione del protagonista maschile, veniamo ai personaggi femminili. Nel primo brano, una donna sola, troviamo una casalinga, la casalinga per antonomasia, che ha tutto all’interno della sua famiglia, meno la cosa più importante: la considerazione, l’essere trattata come una persona, in individuo e rispettata in quanto tale, non solo usata come oggetto sessuale e come domestica senza stipendio né pensione. Abbiamo tutte la stessa storia è la rappresentazione di un rapporto sessuale tra un maschio e una femmina… Mimato, per carità! Un rapporto sessuale con la donna – ahinoi! – subalterna all’uomo, come succede quasi sempre. Terzo brano “Il risveglio”. Qui abbiamo una donna, un’operaia, sfruttata tre volte: in casa come donna tuttofare, in fabbrica e a letto. Non poteva mancare questo personaggio nella nostra galleria: personaggio “portante” nella nostra società. L’epilogo è affidato ad una Alice nel paese senza meraviglie.

 

Teatro Eugenio Pazzini / Via San Francesco 12 Verucchio (RN) / 320 5769769 /

0541 670168 / teatropazziniverucchio@gmail.com/ teatropazziniverucchio.it / FB Teatro Eugenio Pazzini Verucchio

 

 

La Stagione 2018/2019 del Teatro Eugenio Pazzini è promossa e finanziata dal Comune di Verucchio, con il contributo della Regione Emilia – Romagna, con il contributo di Rete Teatrale Valmarecchia e ATER Associazione Teatrale Emilia Romagna – Circuito Regionale Multidisciplinare e il sostegno di Banca Malatestiana, Centro Commerciale I Malatesta e Perlaverde. Alterecho, Marcar, Oshad Pub, Piad@styl€, La Fratta e Tiee Cibo & Vino e Osteria La Barcaccia. Media partner è Radio Sabbia.

 

Valore aggiunto al biglietto del teatro grazie ai ristoratori del centro (Oshad Pub, Piad@styl€, La Fratta, Tiee Cibo & Vino e Osteria La Barcaccia che invitano il pubblico a trascorrere una piacevole serata in uno dei borghi più belli d’Italia con sconti e menù dedicati a chi si presenta con il biglietto del Pazzini.