Scontri a Macerata, agli arresti domiciliari Mirko Ottaviani, leader e candidato di Forza Nuova

Fermato per aggressioni e lesioni insieme ad altri militanti, è ai domiciliari. A rischio la sua corsa elettorale.

E’ agli arresti domiciliari da giovedì 8 febbraio, dopo gli scontri in piazza a Macerata il leader e candidato alla Camera di Forza Nuova Rimini Mirco Ottaviani. Il trentenne riminese è stato fermato insieme ad altri militanti del partito di estrema destra (una quindicina in tutto) dopo i tafferugli scoppiati durante il presidio forzanovista.

Insieme a Ottaviani altri sei riminesi, sono stati condotti in Questura per l’identificazione, ma solo lui è finito agli arresti. Deve rispondere di aggressione e lesioni a pubblico ufficiale, e lunedì ci sarà l’udienza. Forza Nuova nega ogni responsabilità, ma per Ottaviani è a rischio la corsa elettorale: è il candidato alla Camera nel collegio uninominale di Rimini. Nonostante l’arresto di Ottaviani, sabato 10 febbraio Forza Nuova Rimini è intenzionata a scendere in strada comunque per la marcia in ricordo delle vittime delle foibe. Il Resto del Carlino