VILLA VERUCCHIO. Tredicenne suicida: gli investigatori indagano tra gli affetti

Il caso della drammatica morte della ragazza appena 13enne di Villa Verucchio – LINK AL NOSTRO ARTICOLO – ha fatto molto discutere e come già annunciato è finito sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti. La Procura della Repubblica di Rimini ha aperto da qualche giorno un fascicolo d’indagine rubricando il caso alla voce “induzione al suicidio”.  Subito si è palesata l’ombra del bullismo – LINK AL NOSTRO ARTICOLO – e proprio su questo sembra siano concentrate le indagini degli inquirenti. Sono al setaccio i social, il telefono cellulare ed il computer della ragazza, sono stati sentiti i genitori e gli amici della giovane. Sul corpo della 13enne sono stati trovati segni di graffi e ferite dovute al tentativo della stessa risalente a circa 20 giorni fa di togliersi la vita tagliandosi le vene, gesto forse, preso troppo alla leggera dai genitori. La salma è stata restituita alla famiglia e domani saranno celebrati i funerali. 
Andrea Barlocco 

abarlocco@giornaledirimini.com