Rimini. Incidente: sammarinese travolse e uccise 51enne. Il giudice rifiuta patteggiamento: due anni sono troppo pochi

Negato patteggiamento a 38enne di San Marino, protagonista dell’incidente in cui circa due anni fa perse la vita Pierluigi Campana, 51 anni, riminese. La tragedia snel novembre 2017 attorno 22,30, sulla Superstrada per San Marino. Secondo quanto ricostruito dalla polizia l’Audi A4 condotta dal sammarinese avrebbe centrato in pieno la 600 della vittima scaraventandola nel fossato che corre a lato della strada per poi sbattere con violenza contro un albero. Mentre le ferite del conducente dell’Audi non sembrano gravi, le condizioni di Campana sono da subito gravissime e lo porteranno purtroppo alla morte. Il sammarinese viene sottoposto agli esami del sangue, e dai primi accertamenti risulta un tasso alcolemico di 1,20, oltre a tracce di cocaina. Fatto sta che la difesa aveva concordato con il pubblico ministero di patteggiare una pena a due anni di reclusione con pena sospesa. Il risarcimento è già stato versato e non c’era parte civile. Una condanna però che il giudice ha bocciato perché ritenuta troppo bassa.